Sat Naam

Ogni momento può essere quello buono per avere una illuminazione. Ogni momento, ma veramente ogni singolo istante della nostra vita può essere quello che porta a galla la rivelazione che aspettavamo. La spiegazione di quello che eravamo convinti di aver capito e invece no. La frattura nella nostra illusione che permetta finalmente la visione di ciò che di noi stessi deve essere visto, che ci piaccia o no.
E nella maggior parte dei casi, non succede quando meditiamo, se meditiamo. La meditazione serve ad allenarci ad ascoltare, a saper ascoltare cosa succede dentro di noi, non rivela nulla di per sé. Fa da galleggiante per ciò che è sommerso, o da traduttore interno quando persino i fatti vengono fraintesi, e, se serve, da martello pneumatico per abbattere i nostri muri favoriti.

Il tuo momento buono può essere domani, quando sarai di nuovo sull’autobus per andare a passare otto ore in quell’ufficio che detesti. Stasera, mentre cercherai di evitare l’ennesima discussione con tua madre che sta inesorabilmente perdendo la memoria. Domenica prossima, al mare, osservando l’ultimo tramonto della stagione. Dopodomani, quando ti verrà il famoso mal di testa del mercoledì e ripenserai a queste illusorie righe di buon augurio.

Certo è che il momento buono arriva sempre quando ci sediamo davanti a noi stessi senza fronzoli, così come siamo. Nudi. Trasparenti. Senza più parole ma con le orecchie ben tese. Solo allora, solo così, avremo l’incredibile esperienza di sentire la forza nascosta dietro la nostra debolezza. L’indescrivibile potere che anche un solo spiraglio di consapevolezza ci regala. Quel senso di unità di cui tanto si parla.

Ogni momento può essere quello buono.

JSK

“Nel momento in cui tocchi la tua anima, diventi senza paura.”
Yogi Bhajan

 

 

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *